news

Riso Rosso: un poco di chiarezza

Negli ultimi anni, specialmente nell'ambito alimentare e degli integratori, si sono osservate mode e tendenze, alcune più salutari ed altre meno.

In questo breve approfondimento non si vuole dare un'analisi esaustiva né tantomeno scientifica, quanto alcune precisazioni.

Il riso rosso fermentato che ci capita di vedere sempre più in bella vista sui banconi di tanti punti vendita non è ottenuto da un riso dal pericarpo rosso! È un riso bianco fermentato con l’aggiunta di un lievito, il Monascus Purpureus, che gli conferisce colore!

Capiamo bene quindi che è tutta un’altra cosa rispetto a quelli che sono i risi integrali naturalmente colorati, i quali possiedono una pigmentazione della “buccia” integrale dovuta alla presenza di antociani e polifenoli.

Chi ama ed apprezza mangiar bene e soprattutto pone l’attenzione ad un regime alimentare sano ed equilibrato può trovare come ingrediente speciale il riso rosso. Occorre però prestare attenzione al momento dell’acquisto perché poche sono le varietà di riso rosso coltivate in Italia.

Tra queste spicca il riso Orange , riso tutto italiano dal pericarpo arancione, di origine spontanea e coltivato in un’area ben delimitata a nord di Vercelli. Rispetto al riso bianco raffinato possiede un maggior contenuto di fibre, proteine e sali minerali tra cui fosforo e magnesio. Queste proprietà, unite al suo piacevole ed inconfondibile aroma, lo stanno rendendo sempre di più l’ingrediente ideale per chi non vuole scendere a compromessi.

Diverse sono le preparazioni a cui si presta; è disponibile inoltre la farina di riso Orange che, utilizzata in miscela alle altre farine, dona aroma, colore e leggerezza.

Cerca



Questo sito utilizza cookie analitici di terze parti per analizzare la Tua navigazione del sito. Se vuoi saperne di più clicca qui